Esercizi di stile


              
         
    

Questo lavoro fotografico si ispira agli “Esercizi di stile” di Raymond Queneau e ha l’intento di esserne una sorta di versione fotografica. Queneau ha preso un banale fatto di vita quotidiana, il cui resoconto occupa una mezza pagina di testo, e ha fornito ben novantanove versioni diverse dello stesso episodio variando di volta in volta lo stile narrativo, il punto di vista, alterando in qualche modo il testo, applicando figure retoriche ed esercizi linguistici. Ne viene fuori un super resoconto che scava nelle pieghe piu’ nascoste dell’episodio e finisce per estrarne una quantita’ di aspetti imprevisti ma anche generando puro divertimento.

Nel passaggio dal testo alle immagini ho dovuto per forza di cose operare alcune semplificazioni essendo il linguaggio fotografico non sovrapponibile a quello testuale ne’ altrettanto duttile. Gia’ nella scelta dell’episodio da raccontare mi sono distaccato dal testo di Queneau che ambientava la storia in un autobus nell’ora di punta. Ho preso al contrario come riferimento un quadro abbastanza famoso di Brueghel in cui un prestigiatore si esibisce in una qualche fiera di paese. Tra il pubblico in prima fila si trova un personaggio non particolarmente sveglio che, completamente irretito dai giochi di prestigio, viene derubato da un ladro forse d’accordo con il prestigiatore. Sullo sfondo un tutore dell’ordine che dovrebbe vegliare sulla sicurezza dei cittadini fa i propri comodi.

Ho operato una prima traduzione/semplificazione di questa scena e poi da questa sono partito per proporre alcune variazioni sul tema: una variazione scientifica ambientata in un laboratorio, un collage con dei personaggi scimmia, una variazione con un unico personaggio, una variazione onirica, una in cui la storia e’ raccontata al contrario, una danzata, un anagramma e infine una variazione riassuntiva di tutte le altre che si puo’ interpretare anche come se la storia venisse raccontata precisando e precisando di nuovo in maniera pedantesca ogni singolo dettaglio.

In teoria questo e’ un progetto che potrebbe durare indefinitamente continuando ad accumulare variazioni cogliendo le opportunita’ che si presentano o l’ispirazione per nuove foto. Questo che presento e’ solo il primo nucleo di un lavoro che credo continuera’ nel tempo. D’altra parte sono molto interessato all’idea di variazione sul tema, che associo all’idea di esplorare diversi punti di vista e di verita’ relative sulla realta’.

© Roberto Baglioni - gennaio 2017